28 Novembre 2019
COLDIRETTI PIEMONTE; NELLA CAPITALE DELLA CULTURA 2019 ARRIVA L’AGRICOLTURA MADE IN PIEMONTE

Da venerdì 29 novembre a domenica 1 dicembre 2019 nel centro storico di Matera

Con il Black Friday che sancisce l’inizio delle shopping delle feste, Matera dà il via al primo appuntamento nazionale dedicato al Natale a tavola, con il villaggio contadino nella città dei sassi.

Presente il Piemonte con i giovani imprenditori, impegnati nel Villaggio delle Idee, i dolci della tradizione natalizia e le grandi eccellenze in vendita diretta presso il più grande Mercato di Campagna Amica.

Per tutto il weekend sarà possibile scoprire i più rari souvenir di Natale tipici della Penisola per se stessi o da regalare agli altri con la preparazione fai da te dei tradizionali cesti da mettere sotto l’albero nel più grande mercato a chilometri zero, dove non mancheranno il tipico Castelmagno e le nocciole piemontesi. Focus anche sul presepe di Natale con gli animali della fattoria tra i sassi di Matera per salvare le stalle ed i pascoli a rischio di scomparsa come dimostra lo studio della Coldiretti presentato per l’occasione “Sos animali nel presepe degli italiani” ma anche l’approfondimento Coldiretti/Ixe’ sul “Natale 2019, il fai da te a tavola” con la prima esposizione dei dolci tipici provenienti da tutte le regioni, dove spiccano i Crumbot alessandrini ed i Ciciu d’Capdan cuneesi. E se tutto questo non bastasse il Villaggio Contadino è l’unico posto al mondo dove chiunque può fare un’esperienza da vero gourmet con il miglior cibo italiano, scoperto attraverso gli appetitosi menù preparati dagli Agrichef Campagna Amica che hanno fatto della cucina la loro grande passione.

 
“Il sapere antico e la grande bellezza di tutte le campagne – affermano il Presidente di Coldiretti Piemonte Roberto Moncalvo e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa - animeranno la Capitale Europea della Cultura per riaffermare il valore del cibo, facendo vivere un giorno da contadino alla cittadinanza tra sapori e arti custodite gelosamente dai nostri imprenditori. L’obiettivo è quello di far conoscere a consumatori e turisti il frutto del lavoro dei nostri imprenditori, grazie ai quali possiamo vantare eccellenze enogastronomiche conosciute in tutto il mondo, portare avanti tradizioni alimentari secolari e presidiare territori che altrimenti sarebbero stati abbandonati da tempo. Il Piemonte avrà una sua vetrina in questo contesto ed i nostri giovani imprenditori potranno confrontarsi e discutere su progetti di sviluppo innovativi per la crescita dei territori e del Paese.”